https://www.storyboardthat.com/it/lesson-plans/sikhismo

What is Sikhism? | World Religion Activities


Il sikhismo è praticato da circa 26 milioni di persone ed è la quinta religione più grande al mondo. È anche una delle religioni più giovani del mondo poiché è stata fondata intorno al 1500 d.C. nella regione del Punjab nel nord dell'India e in Pakistan dall'insegnante di religione Guru Nanak. La parola Sikh in Punjabi significa discepolo di Dio. Un seguace del Sikhismo adora un solo Dio e aspira a vivere una vita pacifica di onestà, carità, uguaglianza e fede.

Attività degli studenti per Sikhismo



Cos'è il Sikhismo?

Il Sikhismo è una religione fondata circa 500 anni fa nel 1500 d.C. da un uomo di nome Guru Nanak. Guru Nanak viveva nella regione del Punjab dell'India settentrionale e del Pakistan. Una persona che pratica il Sikhismo è chiamata Sikh. Nella lingua punjabi, Sikh significa discepolo o seguace. Il sikhismo è monoteista, il che significa che i sikh credono e adorano un Dio, Waheguru, che significa "Signore meraviglioso". I sikh credono che Dio/Waheguru abbia creato il mondo e sia anche parte della creazione. Ognuno fa parte della creazione di Dio e quindi tutti sono uguali agli occhi di Dio. Guru in Punjabi significa maestro o illuminatore. Sono quelli che ti portano dall'oscurità dell'ignoranza alla luce della conoscenza e della comprensione. I sikh seguono gli insegnamenti di Guru Nanak insieme ai suoi nove successori e al libro sacro, il Guru Granth Sahib . Oggi ci sono circa 26 milioni di Sikh in tutto il mondo, ovvero lo 0,3% della popolazione. I sikh costituiscono circa il 2% della popolazione indiana in quanto è prevalentemente indù. Tuttavia, nella regione del Punjab, i sikh costituiscono il 60% della popolazione. I sikh sono anche emigrati in tutto il mondo con circa 850.000 nel Regno Unito, 470.000 in Canada, 700.000 negli Stati Uniti, 100.000 in Kenya, Uganda e Tanzania, 125.000 in Australia e 100.000 in Malesia. Altre parole per il Sikhismo sono Sikhi, Gursikhi e Gurmat.

Cinque grandi fiumi attraversano la regione del Punjab, rendendola una terra ricca e fertile che ha sostenuto varie civiltà per millenni. Era sede della civiltà della valle dell'Indo, una delle civiltà più antiche della storia e la regione è un crocevia che è stata invasa da persiani, greci, centroasiatici, moghul e britannici. Alcune delle più grandi religioni del mondo, induismo, buddismo, islam e giainismo, hanno prosperato nella regione del Punjab nel corso della storia, creando la cultura ricca e diversificata che si vede oggi.

Guru Nanak

Il fondatore del Sikhismo, Guru Nanak, nacque il 15 aprile 1469 in un villaggio chiamato Talwandi nella regione del Punjab in Pakistan. Oggi è conosciuto come Nankana Sahib. Il luogo della nascita di Guru Nanak è oggi uno dei siti religiosi più importanti per i sikh. Si dice che Guru Nanak sia stata una persona notevole e saggia fin dall'infanzia. A quel tempo, le religioni dominanti della regione erano l'induismo e l'islam. Guru Nanak nacque in una famiglia indù ma presto si interessò intensamente allo studio di entrambe le religioni. Era lodato come un grande studioso, poeta e filosofo ed era rispettato sia dai musulmani che dagli indù.

Un giorno, Guru Nanak stava facendo il bagno nel fiume Bain e scomparve. Tutti pensavano che fosse annegato. Tuttavia, tre giorni dopo, riapparve e si dice che durante quei tre giorni ebbe comunione con Dio, apprendendo la verità di Dio e dell'universo. Al suo ritorno, Guru Nanak disse: "Dio non è né indù né musulmano", il che significa che Dio era per tutti. Guru Nanak credeva che Dio è ovunque e credeva che sebbene ognuno possa avere un percorso diverso verso Dio attraverso le varie religioni, è lo stesso Dio. Guru Nanak disse: “C'è un solo Dio. Il suo nome è Verità... È senza odio... È oltre il ciclo delle nascite e delle morti. Egli è auto illuminato." Guru Nanak trascorse il resto della sua vita insegnando, scrivendo e viaggiando per diffondere la parola di Dio.

Guru Nanak ha parlato contro la misoginia e la crudeltà verso le donne che erano all'ordine del giorno per quel periodo. Predicava che tutte le persone erano uguali indipendentemente da casta o classe, sesso, religione o razza. Si dice che abbia avviato il langar , che è la cucina comune che offre pasti gratuiti a tutti, indipendentemente dal background. Durante la sua vita, Guru Nanak ha intrapreso quattro diversi viaggi chiamati "Udasi" per diffondere i suoi messaggi e insegnamenti su Dio. Ha viaggiato in molti luoghi attraverso l'India, l'Afghanistan, la Persia e la penisola arabica insieme ai suoi seguaci, alcuni dei quali erano Bhai (fratello) Mardana, Bhai Lahana, Bhai Bala e Bhai Ramdas. Durante i suoi viaggi ha diffuso il messaggio che Dio esiste e che la sua scintilla divina è presente in tutti gli esseri viventi. Disse: "Anche i re e gli imperatori con un sacco di ricchezza e un vasto dominio non possono essere paragonati a una formica piena dell'amore di Dio". Credeva che mostrando amore e aiutando gli altri, ci si sarebbe uniti a Dio. Il Sikhismo insegna che la verità, la compassione, la contentezza, l'umiltà e l'amore sono le virtù più alte. Guru Nanak ha predicato tre principi fondamentali:

  1. Naam Japna: Concentrarsi su Dio attraverso la meditazione.
  2. Kirat Karni; Guadagnare una vita onesta a beneficio di se stessi, della propria famiglia e della società
  3. Vand Chakna: servire disinteressatamente gli altri e condividere il proprio reddito e le proprie risorse a beneficio dell'umanità.

Il Sikhismo condivide alcuni punti in comune con l'Islam (credenza in un solo Dio) e l'Induismo (credenza nella reincarnazione). Tuttavia, è la sua religione distinta e unica e non deve essere scambiata per un ramo o una propaggine di nessuna delle due. Ha il proprio fondatore, Guru Nanak, le proprie scritture, il Guru Granth Sahib, le proprie cerimonie e luoghi di culto chiamati gurdwara . Il 22 settembre 1539 Guru Nanak morì. Prima della sua morte, dichiarò che il suo discepolo Lahana sarebbe stato il suo successore. Lahana divenne Guru Angad Dev.

I Dieci Guru

Il Sikhismo segue gli insegnamenti di Guru Nanak e dei suoi dieci successori. I Dieci Guru sono:

  1. Guru Nanak (1469-1539)
  2. Guru Angad (1504-1552)
  3. Guru Amar Das (1479-1574)
  4. Guru Ram Das (1534-1581)
  5. Guru Arjan (1563-1606)
  6. Guru Hargobind (1595-1644)
  7. Guru Har Rai (1630-1661)
  8. Guru Har Krishna (1656-1664)
  9. Guru Tegh Bahadur (1621-1675)
  10. Guru Gobind Singh (1666-1708) (L'ultimo Guru umano)

Quando Guru Nanak morì nel 1539, i Moghul avevano preso il controllo della maggior parte dell'India settentrionale e crebbero le tensioni tra i governanti musulmani e gli indù e i sikh locali. Ciò avrebbe un impatto sugli eventi che circondano i guru successivi. Il quarto guru, Guru Ram Das, fondò la città sacra ai sikh chiamata Ramdaspur, oggi chiamata Amritsar nel Punjab, in India. Il quinto guru, Guru Arjan, ha compilato gli insegnamenti, gli scritti e gli inni dei guru incluso Guru Nanak nell'Adi Granth, il primo libro sacro sikh. A Ramdaspur, Guru Arjan costruì anche l'Harmandir Sahib (chiamato anche Hari Mandir), conosciuto oggi come il Tempio d'Oro, uno dei luoghi più sacri del Sikhismo. Guru Arjan è anche il primo martire Sikh. L'imperatore Mughal Jahangir, minacciato dal crescente potere politico di Guru Arjun, imprigionò Guru Arjun e lo torturò per cercare di convincerlo a rinunciare alla sua fede. Quando rifiutò, Guru Arjun fu torturato per molti giorni fino alla morte, rendendolo un martire della sua fede.

Dopo la morte di Guru Arjun, suo figlio Guru Hargobind divenne il sesto guru. In parte a causa della morte violenta di suo padre, Guru Hargobind credeva che i sikh dovessero adottare tattiche militari per proteggersi dalla persecuzione religiosa. Guru Hargobind è venerato come un santo guerriero. Indossava due spade (una per il regno spirituale e una per il regno temporale) che si vedono oggi nel simbolo sikh, il Khanda . Guru Hargobind regnò fino alla sua morte nel 1644. Suo nipote, Guru Har Rai, gli successe come settimo guru. Dopo la morte di Guru Har Rai, suo figlio Guru Har Krishan divenne l'ottavo leader sikh fino alla sua prematura morte per vaiolo. A questo punto, il figlio più giovane di Guru Hargobind, Guru Tegh Bahadur, divenne il nono guru e regnò fino al 1675. Il suo nome significa "coraggioso possessore della spada", poiché Guru Tegh Bahadur era noto per essere un grande guerriero. A quel tempo l'impero Mughal era governato da Shah Jahan e in seguito da Aurangzeb, entrambi imperatori noti per l'oppressione religiosa. Guru Tegh Bahadur si considerava un difensore contro la persecuzione religiosa non solo per i sikh ma per tutte le religioni. L'imperatore Mughal Aurangzeb fece catturare e torturare Guru Tegh Bahadur nel tentativo di convincerlo a convertirsi all'Islam. Guru Tegh Bahadur si rifiutò e fu ucciso. È conosciuto come il secondo guru Sikh ad essere martirizzato per la sua fede. A Guru Tegh Bahadur successe il decimo guru, Guru Gobind Singh.

Guru Gobind Singh ha introdotto il concetto di Khalsa . Khalsa doveva essere di cuore e mente puri ed essere disposto a combattere l'oppressione ovunque si trovasse. Gli uomini battezzati come Khalsa adottano il titolo Singh, che significa leone, mentre le donne adottano il nome di Kaur, che significa principessa. Guru Gobind Singh ha anche creato i 5K che sono gli esempi fisici dell'iniziazione Khalsa e della devozione al Guru e a Dio:

  1. Kesh (capelli non tagliati come simbolo di devozione a Dio)
  2. Kara (un bracciale in acciaio che simboleggia l'unità con Dio e il Khalsa)
  3. Kanga (un pettine che è un segno di pulizia)
  4. Kirpan (una spada che è un simbolo di difesa contro la persecuzione religiosa)
  5. Kachera (mutande di cotone che sono un simbolo di autostima e autocontrollo)

Il Guru Granth Sahib

Guru Gobind Singh ha anche creato la compilazione finale del libro sacro del Sikhismo. Ha aggiunto 115 inni del martire Guru Tegh Bahadur all'Adi Granth, insieme a scritture di guru e santi delle fedi indù e musulmane. Questo ultimo libro sacro sikh è chiamato il Guru Granth Sahib . Guru Gobind Singh dichiarò che il Guru Granth Sahib doveva essere l'undicesimo e ultimo guru, l'Eterno Guru. Il libro sacro è infatti un guru vivente ed è onorato e riverito come tale. Il Guru Granth Sahib è tenuto sotto un baldacchino su una piattaforma rialzata in ogni gurdwara. I sikh si tolgono le scarpe in sua presenza e non gli voltano mai le spalle. La lettura dell'intero Guru Granth Sahib è comune in tutti i principali festival sikh, che dura circa 48 ore! Ovunque sia custodito il Guru Granth Sahib diventa un luogo di culto sikh. Pertanto, potrebbe essere una stanza nella casa di qualcuno o un edificio o tempio separato.

Il Gurdwara

Un tempio sikh è chiamato gurdwara che significa "porta d'accesso al guru". I servizi di culto si tengono solitamente la domenica. Quando entrano in un tempio, i sikh si tolgono le scarpe, si coprono la testa e spesso si lavano mani e piedi. Si inchinano davanti al Libro Sacro o Guru Granth Sahib. Non ci sono sedie e tutti si siedono per terra alla pari. Un granthi è una persona responsabile della lettura del libro sacro sikh durante il culto pubblico nel gurdwara. Un granthi non è un prete, poiché il sikhismo non ha gerarchia o sacerdozio. Un granthi può essere un uomo o una donna. Durante il culto, si cantano kirtan o canti, preghiere e inni e si condivide "karah prasad", un'offerta di cibo a base di zucchero, burro e farina. Il servizio si conclude con il langar , il pasto comunitario gratuito che viene preparato e servito interamente da volontari. Ci sono quattro porte in un gurdwara chiamate le porte della pace, del sostentamento, dell'apprendimento e della grazia. Sono rivolti verso le quattro direzioni cardinali, a simboleggiare che le persone di tutto il mondo sono benvenute. Le persone sono benvenute in un gurdwara indipendentemente da background, razza, religione, casta o genere, poiché la base della fede sikh è l'apertura e l'uguaglianza per tutti. Il gurdwara ha anche una lampada sempre accesa per simboleggiare che la luce del Guru è sempre aperta e accessibile a tutti. Il principale tempio sikh è l'Hari Mandir, o Tempio d'oro, ad Amritsar, nel Punjab, in India. È stato progettato dal quinto guru, Guru Arjan. Hari Mandir significa "Casa di Dio" in lingua punjabi. L'Hari Mandir ha la cucina gratuita più grande del mondo con un langar che nutre 100.000 persone ogni giorno! È stato nominato il sito più visitato al mondo.

Simboli e saluti

Il simbolo universale del Sikhismo è il Khanda . Ha una spada centrale per la fede in un solo Dio, il Chakkar (cerchio) per l'unità e la continuità di Dio e i due kirpan incrociati (spade) che rappresentano gli obblighi sia spirituali che sociali. Un altro simbolo esteriore del Sikhismo è il turbante . Gli uomini sikh indossano turbanti per coprire i loro lunghi capelli e per mostrare unità con altri sikh in tutto il mondo. I ragazzi più piccoli portano i capelli non tagliati in un ciuffo, ricoperti da un pezzo di tessuto chiamato patka. Anche le donne sikh si coprono spesso i capelli con una lunga sciarpa chiamata dupatta, oppure possono anche indossare turbanti. I saluti comuni nel Sikhismo sono "Waheguru ji ka Khalsa, Waheguru Ji ki Fateh", che significa "Il Khalsa appartiene a Dio, la vittoria appartiene a Dio", e "Sat Sri Akal", che significa "Dio immortale è verità".

Riti di passaggio e festività

I sikh hanno una cerimonia speciale per il nome dopo la nascita di un bambino chiamato Nam Karan . Il nome viene scelto facendo in modo che un granthi apra il libro sacro del Guru Granth Sahib su qualsiasi pagina e legga l'inno su quella pagina. La prima lettera della prima parola dell'inno diventa quindi la prima lettera del nome del bambino. Quando viene scelto il nome che inizia con quella lettera, viene annunciato con gioia alla congregazione.

I sikh sono ufficialmente iniziati al Khalsa durante una cerimonia chiamata Amrit Sanchar . Sebbene chiunque a qualsiasi età sia autorizzato a partecipare alla cerimonia, di solito viene eseguita dopo l'inizio dell'adolescenza intorno all'età di 13 anni. È quando la persona crede di essere pronta ad assumersi le responsabilità del Sikhismo, dimostrare la propria devozione a Dio e accettare indossare le Cinque K. I candidati si inginocchiano su un ginocchio e ricevono l'amrit (acqua santa) da bere. Viene anche spruzzato nei loro occhi e sui loro capelli.

Le cerimonie matrimoniali sikh sono chiamate Anand Karaj . Durante la cerimonia, le scritture vengono lette dal Guru Granth Sahib e anche la sposa e lo sposo camminano intorno al Guru Granth Sahib quattro volte per dimostrare la loro devozione. Inoltre, si recitano preghiere e si cantano inni.

I sikh credono che il corpo sia un vaso per l'anima e che la morte sia un processo naturale che è un'opportunità per l'anima di reincarnarsi o riunirsi con Dio. Dopo la morte, il corpo viene cremato e le ceneri vengono sepolte o sparse cerimonialmente attraverso l'acqua che scorre come un fiume o un oceano. Un funerale sikh è chiamato Antam Sanskaar ed è focalizzato sulla celebrazione della vita della persona.

Ci sono molti festival e feste sikh durante tutto l'anno. Il calendario usato nel Sikhismo è chiamato calendario Nanakshahi , che è un calendario solare. Si basa sui cambiamenti della natura osservati durante il ciclo di dodici mesi dell'anno. Per questo motivo, le vacanze cadono in giorni diversi ma ogni anno più o meno alla stessa ora. Alcune festività importanti sono:

  • Il compleanno di Guru Nanak, celebrato nel tardo autunno
  • Compleanno di Guru Gobind Singh, celebrato a fine dicembre
  • Hola Mohalla, che si tiene a febbraio/marzo, è un festival con gare di atletismo, equitazione e arti marziali
  • Vaisakhi o Baisakhi, che si tiene a marzo/aprile, è la festa di Capodanno
  • Bandi Chhor Divas, che si tiene in ottobre/novembre, è un festival che coincide con il festival indù di Diwali. Celebra Hargobind, il sesto Guru.

Il Sikhismo insegna che tutti sono uguali indipendentemente da genere, razza, religione o casta. I sikh credono che attraverso la devozione a Dio, vivendo onestamente e servendo gli altri, si possa condurre una buona vita e dopo la morte ricongiungersi con il divino.


Domande essenziali per il Sikhismo

  1. Quando e dove ha avuto origine il Sikhismo?
  2. Quali sono alcune credenze e festività importanti nel Sikhismo?
  3. Quali oggetti o simboli sono importanti o sacri nel Sikhismo?
  4. Dove sono oggi i suoi seguaci e quante persone praticano il sikhismo in tutto il mondo?
  5. Come adorano i sikh e chi sono i loro leader spirituali?

Trova altri programmi di lezioni e attività come queste nella nostra categoria Studi sociali!
*(Avvia una prova gratuita di 2 settimane senza bisogno di carta di credito)
https://www.storyboardthat.com/it/lesson-plans/sikhismo
© 2021 - Clever Prototypes, LLC - Tutti i diritti riservati.