Ettore e il flauto dei baci
Updated: 3/30/2021
Ettore e il flauto dei baci

Storyboard Description

In un villaggio sperduto tra i boschi, dove gli alberi offrivano la loro chioma come casa per gli uccellini e tra le loro radici tanti animaletti trovavano rifugio e occasione di divertirsi e giocare, viveva un anziano nonnino, di nome Ettore, che portava sempre un cappello azzurro sulla testa e un papillon rosso. Ettore viveva nella sua piccola casetta in compagnia del suo cagnolino Briciola con il quale trascorreva le sue giornate facendo le cose più disparate. Lui era felice di passare il tempo con Briciola e si divertiva anche, ma capitava spesso di sentirsi solo e triste perché gli sarebbe piaciuto avere vicino qualcuno con cui parlare e condividere le sue emozioni. Fu così che un bel giorno decise di costruire,con del cartone e un po’ di spago, un flauto magico, che avrebbe dovuto diffondere baci volanti da regalare a tutti gli abitanti del paese. Nonno Ettore ancora non sapeva che questa invenzione gli avrebbe cambiato la vita. I baci uscivano a migliaia dalla sua casetta, si alzavano, cantavano e danzavano nell’aria, per poi posarsi sui prati e le panchine, entrando a centinaia perfino nelle case degli abitanti del paese. Erano tutti felici di questa novità perché i baci volanti avevano portato tanto amore e felicità. C’era, però, una vecchia signora, di Nome Camilla, che aveva un aspetto trasandato, i capelli spettinati e i vestiti stropicciati che viveva, anche lei, sola nella sua casa tenendo sempre le finestre chiuse perché non amava le grida divertite dei bambini che giocavano per strada. I baci volanti, intanto, continuavano a inondare il paese, fin quando, ad un certo punto, riuscirono a infilarsi tra le fessure delle persiane della casa della Signora Camilla che, infastidita, cominciò a respingerli, ma più li respingeva, più ne arrivavano, così che, rassegnata, decise di assaggiarne uno; aveva un sapore talmente dolce che il viso le si illuminò e decise, da quel momento, di uscire di casa e raccontare tante storie ai bambini del villaggio. Amava raccontare una storia più di tutte le altre, quella del flauto magico dei baci, che le aveva fatto conoscere Nonno Ettore, colui, che senza saperlo, aveva cambiato la vita di entrambi. I due nonnini trascorsero il resto della loro vita felici e insieme continuando a raccontare fiabe a tutti i bambini del villaggio.

Storyboard Text

  • I Baci, volando e cantando, arrivarono a casa di una vecchia signora, di nome Camilla, che viveva da sola e teneva sempre le finestre chiuse perché non amava le grida divertire dei bambini che giocavano per strada...
  • Vedendo arrivare tutti questi baci volanti la signora Camilla cercò di respingerli tutti...
  • Via di qui! Allontanatevi! Sarà meglio per voi o vi trasformerò in spine!
  • I Baci, però, non smisero di cantare e uno di loro si avvicinò talmente tanto alla vecchia signora che decise di mangiarlo...
  • Che stupida sono stata a rimanere sempre chiusa in casa! Da oggi in poi andrò in giro per le strade a raccontare storie ai bambini.
  • mmm che buono!
  • Fu così che la vecchia e scorbutica signora Camilla, si trasformò, grazie al potere dei baci, in una graziosa e gentile nonnina che girava per le strade raccontando storie a tutti i bambini che incontrava. Tra di loro, però, c'era anche nonno Ettore che era rimasto incantato dalle storie incredibili della signora Camilla
  • Sapete bambini qual è la mia storia preferita?!
  • La storia del flauto magico dei baci che ha cambiato la mia vita e mi ha fatto conoscere nonno Ettore.
  • Da quel giorno i due nonnini, insieme a Briciola, trascorsero il resto della loro vita felici e insieme, continuando a girare per le strade, per raccontare fiabe a tutti i bambini che incontravano lungo il loro cammino.