Renzo a Milano
Updated: 2/8/2021
Renzo a Milano

Storyboard Text

  • Vogliamo il pane!
  • Abbassate il prezzo!
  • Dobbiamo ribellarci contro le ingiustizie
  • Lei, signor Renzo Tramaglino, è in arresto
  • Quando Renzo arriva a Milano la città è nel mezzo di una rivolta. I forni sono assediati dal popolo in rivolta a causa dell'aumento del prezzo del pane.
  • Certo giovanotto, si chiama Gongorzola.
  • Mi scusi, saprebbe dirmi il nome del paese confinante con Milano sulla strada per Bergamo?
  • Preso dalla rivolta, la sera tiene un discorso in cui racconta delle ingiustizie subite da lui stesso. Un carabiniere, sentendolo, si offre di portarlo in un osteria dove passa la notte. Luogo nel quale poi si ubriaca rivelando il suo nome.
  • Vieni da Milano?
  • No, da Liscate
  • La mattina dopo viene svegliato da un notaio e due carabinieri che lo dichiarano in arresto, pensando che sia colui che comanda la sommossa. Mentre viene portato in carcere però riesce ad attirare la folla che lo aiuta a scappare.
  • Non ti preoccupare Renzo, ti ospiterò e ti troverò un lavoro.
  • Dopo aver percorso molti chilometri in direzione di Bergamo, Renzo decide di fermarsi in un’osteria.Qui un’anziana signora lo riempie di domande riguardanti la rivolta e lui, per servitore di rispondere gli chiede come arrivare a Bergamo.
  • Continuando per la strada, Renzo si ferma in un’altra osteria dove ci sono alcuni uomini che cercano di informarsi su chi sia.Quando un uomo entra nel bar per raccontare della fuga del capo della rivolta però loro si insospettiscono, costringendolo a scappare.
  • Avete sentito che l’uomo che dirigeva la rivolta è scappato?
  • Dopo un lungo viaggio Renzo giunge a Bergamo dove, grazie al cugino, trova un posto in cui vivere e un lavoro