https://www.storyboardthat.com/it/lesson-plans/sylvia-e-aki-di-winifred-conkling

Sylvia and Aki by by Winifred Conkling


Sylvia & Aki è un pluripremiato romanzo di narrativa storica scritto nel 2015. Racconta la vera storia di un'amicizia inaspettata tra Sylvia Mendez e Aki Munemitsu, che si trovarono al centro di due diversi sistemi di ingiustizia negli Stati Uniti negli anni '40 . Aki e la sua famiglia sono giapponesi americani che, insieme a decine di migliaia di altri, furono costretti a lasciare la loro casa e ad essere incarcerati in un campo di internamento per tutta la durata della seconda guerra mondiale. Mentre i Munemitsus furono internati, affittarono la loro fattoria a Westminster, in California, alla famiglia Mendez. Sylvia era entusiasta di andare alla sua nuova scuola a Westminster, ma a lei e ai suoi fratelli è stata negata l'ammissione a causa della loro eredità messicana. Il padre di Sylvia inizia una crociata per porre fine alla segregazione scolastica in California. L'autore Winifred Conkling intreccia magnificamente queste due storie vere di enorme coraggio e forza d'animo di fronte all'ingiustizia e al razzismo durante questo periodo turbolento della storia americana.

Attività degli studenti per Sylvia e Aki



Sylvia & Aki Riepilogo

La storia di Sylvia

Sylvia Méndez si è trasferita con la sua famiglia a Westminster, in California, in una fattoria di asparagi che suo padre ha potuto affittare dalla famiglia Munemitsu. La famiglia Munemitsu fu costretta a un campo di internamento allo scoppio della seconda guerra mondiale. Sylvia si chiedeva della bambina che possedeva la graziosa bambola giapponese nascosta nell'armadio e si sentiva dispiaciuta per la loro famiglia. Allo stesso tempo, però, si sentiva grata che la sua famiglia avesse l'opportunità di lavorare nella propria fattoria. Sylvia era anche entusiasta di frequentare la sua nuova scuola di quartiere. Tuttavia, quando i bambini Mendez sono andati a registrarsi, la segretaria della scuola li ha respinti, dicendo loro che dovevano andare in una scuola molto più lontana, specifica per i bambini di origine messicana. Sylvia ei suoi fratelli frequentano la "scuola messicana", ma non è adeguatamente finanziata e manca delle opportunità disponibili alla scuola di Westminster.

Il padre di Sylvia credeva che tenere i suoi figli lontani dalla scuola di Westminster fosse un razzismo palese. Ha lavorato duramente con un avvocato per intentare una causa contro il distretto scolastico. Il sovrintendente, intimidito dall'imminente causa legale, alla fine cedette e disse che i bambini di Méndez potevano andare a Westminster. Il signor Méndez ha rifiutato l'offerta sulla base del fatto che tutti i bambini dovrebbero essere autorizzati a partecipare, non solo i suoi, indipendentemente dalla razza o dall'etnia. Disse a Sylvia: "Non ci può essere giustizia per uno a meno che non ci sia giustizia per tutti".

Il padre di Sylvia ha proceduto con la causa e Gonzalo Méndez contro il distretto scolastico di Westminster della contea di Orange è stato ascoltato davanti al tribunale distrettuale degli Stati Uniti a Orange County, in California. Il distretto scolastico ha sostenuto che i bambini di origine messicana dovrebbero essere separati dai bambini bianchi a causa della convinzione razzista di essere inferiori. Sylvia non poteva credere a quello che aveva sentito. Queste affermazioni razziste erano così offensive e false. "Come può un uomo giurare di dire la verità e poi mentire in quel modo ?, pensò." Nel 1946, il giudice McCormick stabilì che "i bambini messicani di Orange County, in California, avevano il diritto legale di andare a scuola con bambini bianchi e che separare gli studenti in base alla razza suggerisce l'inferiorità tra loro dove non esiste nessuno ". Questo caso ha aperto la strada al caso Brown vs. Board of Education del 1954 della Corte Suprema degli Stati Uniti, che ha reso la segregazione illegale in tutto il paese.

Il padre di Sylvia ha mostrato a lei e ai suoi fratelli l'importanza di lottare per ciò in cui credi. In tutto questo, la famiglia Mendez ha lavorato duramente nella fattoria di Munemitsu e si è sempre assicurata che i soldi dell'affitto andassero direttamente a loro e non venissero sequestrati. dai censori che controllavano la posta al campo di internamento. Quando è arrivato il momento per il Munemitsus di tornare finalmente dopo la fine della guerra, la famiglia Méndez li ha accolti volentieri a casa. Sylvia e Aki avevano stretto un'amicizia inaspettata attraverso lettere e visite e sono rimasti in contatto ancora oggi.

Oggi c'è una scuola nella contea di Orange che prende il nome dai genitori di Sylvia. Sylvia Mendez ha ricevuto la Medaglia della Libertà, la più alta onorificenza civile, nel 2011. Ha detto che i suoi genitori le hanno sempre insegnato "che siamo tutti individui; che siamo tutti esseri umani; che siamo tutti collegati insieme; e che tutti abbiamo il stessi diritti, stessa libertà ".

La storia di Aki

Il mondo di Aki Munemitsu viene sconvolto il 7 dicembre 1941 quando l'Impero del Giappone bombarda Pearl Harbor, portando in guerra Stati Uniti e Giappone. Il governo degli Stati Uniti ha costretto persone di origine giapponese a rifugiarsi nei campi di internamento, ritenendole "minacce". La famiglia di Aki aveva solo pochi giorni per prepararsi a partire e poteva portare solo quello che poteva contenere in una valigia. Suo padre è stato persino portato in un campo separato perché il governo credeva (senza motivo) che fosse una minaccia per la sicurezza nazionale.

Il campo di internamento era molto lontano dalla bella fattoria di asparagi della famiglia di Aki. Poston, in Arizona, era un deserto insopportabilmente caldo d'estate e brutalmente freddo d'inverno. La famiglia Munemitsu e decine di migliaia di altre persone furono costrette a vivere in edifici scadenti con razioni scarse e senza privacy. Poiché le famiglie sono state costrette a lasciare le loro case così rapidamente, molte hanno perso i loro mezzi di sussistenza e le loro case oltre alla loro libertà. Agli internati sono stati somministrati questionari o "test di lealtà" per determinare l'entità della minaccia che rappresentavano. Allo stesso tempo, uomini idonei furono reclutati nell'esercito per sacrificare le loro vite per gli Stati Uniti mentre le loro famiglie venivano internate nei campi.

Nell'agosto 1945, gli Stati Uniti sganciarono due bombe atomiche sul Giappone, uccidendo istantaneamente centinaia di migliaia di civili e avvelenando i sopravvissuti con le radiazioni. Il Giappone si arrese presto e con la fine della guerra i campi di internamento furono chiusi. Ai giapponesi americani come la famiglia Munemitsu fu finalmente permesso di tornare a casa.

Sylvia e Aki erano felici di essere riuniti poiché erano stati amici di penna durante tutto il calvario. Si scambiarono le bambole tra loro, una bambola giapponese per Sylvia e una bambola messicana per Aki. La famiglia Mendez ha accolto la casa della famiglia Munemitsu, dove ha ripreso la proprietà della fattoria di asparagi.

La famiglia Munemitsu ha ricostruito la propria vita dopo l'internamento e si è adoperata per aiutare gli altri a fare lo stesso. Il signor Munemitsu ha dato ai giapponesi americani che erano stati internati nei campi di lavoro nella sua fattoria in modo che potessero recuperare i loro mezzi di sussistenza. Aki ha detto: "Anche dopo i campi di internamento, mio padre credeva ancora nel sogno americano. Voleva aiutare altre famiglie a risparmiare denaro e ricominciare da capo".

Nel 1988, il governo degli Stati Uniti si è formalmente scusato e ha concesso risarcimenti ai giapponesi americani sopravvissuti ai campi di internamento. Nonostante il timore del governo che i giapponesi americani rappresentassero una minaccia per la sicurezza nazionale, "non è stato riscontrato che un solo cittadino giapponese americano fosse sleale verso gli Stati Uniti".

Sylvia & Aki è una storia importante che permette agli studenti di comprendere questo difficile capitolo della storia americana attraverso gli occhi dei bambini che l'hanno vissuto. Gli studenti possono entrare in empatia con com'è stato mostrare coraggio di fronte al razzismo inesorabile e all'ingiustizia e possono vedere come la nostra storia condivisa ha un impatto su di noi oggi.


Domande essenziali per Sylvia e Aki di Winifred Conkling

  1. Chi sono i personaggi principali di Sylvia & Aki e quali sfide devono affrontare?
  2. Quali erano alcune allusioni (riferimenti a persone, luoghi, eventi reali) presenti nel romanzo? Cosa puoi imparare sulle persone e sul periodo di tempo da queste allusioni?
  3. Quali sono alcuni dei temi, simboli e motivi presenti nel romanzo? In che modo il simbolismo ti aiuta a comprendere meglio i personaggi e le loro motivazioni?
  4. Quali sono le diverse ambientazioni del romanzo e come influenzano e modellano i personaggi?
  5. Quali sono alcuni dei tanti casi di razzismo e ingiustizia presenti nel romanzo? In che modo questa storia continua ad avere un impatto sugli Stati Uniti oggi?

Attribuzioni Immagine
  • • OpenClipart-Vectors • Licenza Free for Commercial Use / No Attribution Required (https://creativecommons.org/publicdomain/zero/1.0)
  • • gisoft • Licenza Free for Commercial Use / No Attribution Required (https://creativecommons.org/publicdomain/zero/1.0)
  • • OpenClipart-Vectors • Licenza Free for Commercial Use / No Attribution Required (https://creativecommons.org/publicdomain/zero/1.0)
  • 26177 • Clker-Free-Vector-Images • Licenza Free for Most Commercial Use / No Attribution Required / See https://pixabay.com/service/license/ for what is not allowed

Pianifica una sessione guidata gratuita con noi per diventare uno Storyboard That pro!

*(Avvia una prova gratuita di 2 settimane senza bisogno di carta di credito)
https://www.storyboardthat.com/it/lesson-plans/sylvia-e-aki-di-winifred-conkling
© 2021 - Clever Prototypes, LLC - Tutti i diritti riservati.