Domande sull'apprendimento remoto?

https://www.storyboardthat.com/it/lesson-plans/popoli-indigeni-dei-caraibi

{image-TOKEN}


Quando Colombo ei suoi uomini sbarcarono per la prima volta sulle isole dei Caraibi credendo di essere arrivati in Asia, incontrarono una fiorente civiltà di persone che vivevano lì da migliaia di anni. Sbagliando la sua posizione, Colombo si riferì a queste persone come indiani. In realtà, erano i Taíno, Lucayan e Carib, i popoli indigeni dei Caraibi. Sono stati i primi popoli delle Americhe a essere vittime dell'invasione, della schiavitù e della colonizzazione europee, che hanno avuto conseguenze devastanti per i popoli indigeni delle Americhe. È fondamentale confrontare la nostra storia e la realtà del suo impatto. Nonostante questa storia, la lingua, la ricca cultura e le tradizioni dei popoli indigeni rimangono e continuano a essere rianimate e onorate oggi.

Attività degli studenti per Popoli Indigeni dei Caraibi includono:




Creare uno Storyboard*


I popoli indigeni dei Caraibi

Posizione

La regione caraibica o Indie occidentali si riferisce alle catene di isole nel Mar dei Caraibi dell'Oceano Atlantico. La catena di isole delle Piccole Antille a est comprende St. Croix, St. Kitts, Montserrat, Antigua e Barbuda, Martinica, St. Lucia, Barbados e Trinidad e Tobago. Le Grandi Antille a ovest includono Cuba, Giamaica, Hispaniola (Haiti e Repubblica Dominicana) e Porto Rico. L'arcipelago lucayano nel nord include le Bahamas e Turks e Caicos. Sono incluse anche le isole ABC nel sud: Aruba, Curacao e Bonaire e le Antille Sottovento che includono Tortuga e Isla Margarita appena a nord del Venezuela.

Risorse naturali

Il clima nei Caraibi è tropicale poiché è così vicino all'equatore. La temperatura rimane calda tutto l'anno con una stagione delle piogge da giugno a novembre che può portare uragani. A causa del clima tropicale caldo, la vegetazione è rigogliosa e verde. Ci sono foreste pluviali con enormi felci arboree, piante di orecchie di elefante giganti, fichi, balsamo e alberi di cotone di seta. Ci sono bellissimi fiori che sbocciano come ibisco, orchidea, giglio, bromelia e gelsomino e grandi palme e palmetti. Il mare è ricco di pesci e altri animali come squali, foche, delfini, lamantini, tartarughe marine, granchi, pastinache e conchiglie. A terra puoi trovare oltre 700 specie di uccelli, lucertole, iguane, scimmie, roditori come l'agouti e il porcellino d'India, i caimani e persino i maiali nuotatori!

Popolazioni indigene

Si stima che le persone iniziarono a vivere sulle isole già nel 5000 aC con gli antichi popoli Ciboney e Igneri. Le popolazioni indigene della regione caraibica includono il Taino che parla una lingua Arawakan discendente dai popoli Arawak del Sud America. I Taino erano i principali abitanti della regione e vivevano a Cuba, Giamaica, Bahamas, Haiti, Repubblica Dominicana (Hispaniola), Porto Rico, Isole Vergini e Piccole Antille settentrionali. Il popolo lucayano era un ramo dei Taínos che viveva alle Bahamas. Il popolo dei Caraibi è migrato dal fiume Orinoco tra la Colombia e il Venezuela e viveva nelle Piccole Antille meridionali. Al momento della prima invasione europea nel 1492, si stima che c'erano 1-2 milioni di persone che vivevano nei Caraibi con circa 700.000 che vivevano nella sola Hispaniola.

Cibo

Le popolazioni indigene dei Caraibi come il Taino erano in grado di utilizzare le risorse naturali del loro paradiso tropicale per pescare, cacciare, raccogliere e coltivare. Le reti da pesca realizzate con corde di cotone e palma venivano utilizzate nei numerosi fiumi di mare e di acqua dolce per pesci come il pesce pappagallo, la cernia e il dentice, ma anche conchiglia, vongole, granchi. e le tartarughe marine. Le piroghe (canoa) sono state scolpite da alberi di cotone di seta. Queste canoe sono state costruite per viaggiare sull'oceano e di dimensioni variabili, alcune con due persone e altre con oltre 100 vogatori! La maggior parte delle canoe poteva contenere gruppi di 15-20 persone e venivano utilizzate per i viaggi e per la pesca. La gente usava archi e frecce con punte di veleno per cacciare piccoli mammiferi come conigli e aguti, uccelli, iguane e serpenti. Persone come i Taíno raccoglievano verdure selvatiche, frutta e bacche. Hanno anche coltivato la terra con sofisticati metodi di agricoltura e hanno coltivato manioca, mais, patate dolci, fagioli, zucche, yucca, peperoncino e cioccolato. Tradizionalmente, gli uomini cacciavano e pescavano mentre le donne si riunivano e coltivavano.

Case e vita di villaggio

Il popolo Taino usava il mogano e le foglie di palma essiccate per costruire le loro case e i loro mobili. Vivevano in villaggi chiamati yucayeques . La struttura sociale era tipicamente divisa per classe in servi, o Naboria , che svolgevano lavori manuali come pesca, agricoltura e caccia e nobili, o Nitaínos , che erano soldati, capi e artigiani. Il leader o capo di ogni yucayeques è stato chiamato un cacicco. Sono stati aiutati da un prete o da un leader spirituale chiamato bohique . Gli yucayeques venivano sempre costruiti vicino a una fonte d'acqua per bere e fare il bagno. Al centro del villaggio c'era una grande piazza chiamata batey . Il batey era circondato da grandi pietre scolpite con petroglifi o simboli. Le pietre renderebbero l'area un rettangolo chiuso e il batey potrebbe essere utilizzato per feste, cerimonie e persino giochi. Un gioco con la palla, chiamato anche batey, è stato giocato con una palla di gomma e 10-30 giocatori su due squadre avversarie. Si ritiene che il gioco della palla avrebbe potuto essere giocato per i festival così come per risolvere le controversie tra i villaggi rivali.

Le case erano capanne chiamate bohios , circolari e fatte di canne, bambù e rami di alberi legati insieme con erba e fango per una maggiore durata. I bohios avevano tetti di paglia fatti di foglie di palma. Il bohio più grande del villaggio era rettangolare per distinguerlo dal resto. Questa capanna rettangolare era riservata al cacicco e alla sua famiglia ed era chiamata caney . I Caneys furono costruiti nel centro del villaggio ai margini del batey come luogo di spicco per il cacique. All'interno delle loro case, Taíno dormiva in hamacas (amache) e aveva sedie chiamate dujos . Dujos potrebbe essere scolpito con elaborati simboli religiosi e decorato con oro. Il dujo del cacique aveva uno schienale più alto e somigliava a un trono.

Religione e tradizioni

Le persone spesso portavano i capelli con la frangia davanti e più lunghi dietro. La vernice è stata usata per decorare il viso e il corpo. I gioielli venivano indossati in oro, pietre preziose, piume, conchiglie. e ossa o denti di animali. Uomini e donne indossavano collane con amuleti, orecchini, anelli al naso, bracciali e braccialetti.

La religione era una parte importante della vita. Taínos ha scolpito zemi , o idoli, in legno, pietra e argilla. Potrebbero anche essere dipinti e decorati con oro e pietre preziose. Uno zemís sarebbe stato un condotto per lo spirito degli dei ed era usato per la preghiera. Le cerimonie religiose si tenevano nel batey e guidate dal cacique e dal bohique. Le cerimonie erano chiamate areytos ed erano molto festive con molto cibo, giochi e musica.

Gli strumenti realizzati dal Taíno vengono suonati ancora oggi. I tamburi erano ricavati da tronchi d'albero scavati. Maracas e güiros erano strumenti fatti di zucche scavate. Il cibo sarebbe stato marinato e cotto sul fuoco usando rami di fico barbuto verdi e resistenti al fuoco. Il popolo di Taino chiamava questo metodo di cottura del barbacoa , che ora è noto come barbecue. Coltivavano tabacco, che era considerato una pianta sacra e usato solo durante cerimonie speciali circa quattro volte all'anno.

linguaggio

Ci sono molte parole in inglese e spagnolo oggi che possiamo attribuire al Taíno e ad altri popoli indigeni dei Caraibi:

Taíno

spagnolo

inglese

anana anana ananas
papaia papaia
baracutey Barracuda
caimano caimano
iguana iguana
manati lamantino
batata batata patata dolce
canoa canoa canoa
hamaca hamaca amaca
barbacoa barbacoa barbecue
guayaba guaiava
Tobaco tabacco

Invasione spagnola dei Caraibi

Nel 1492, la Spagna sconfisse il sovrano musulmano Boabdil per il controllo della città di Grenada. Sono riusciti a sorpassare l'ultima roccaforte musulmana della regione; un'impresa che i cristiani spagnoli cercavano di fare da secoli. Incoraggiati da questa vittoria, il re Ferdinando e la regina Isabella cercarono di espandere ulteriormente il loro impero per guadagnare più ricchezza, influenza e potere.

Allo stesso tempo, Cristoforo Colombo aveva cercato ripetutamente uno sponsor per un viaggio che non era mai stato fatto prima. Invece di navigare verso sud e intorno alla punta dell'Africa per raggiungere l'India e l'Asia, come i suoi predecessori, voleva dirigersi a ovest. Immaginando che il mondo fosse più piccolo di quello che era e non anticipando le Americhe, Colombo convinse Ferdinando e Isabella che questo avrebbe assicurato loro una nuova rotta commerciale verso l'Asia e un'opportunità per rivendicare qualsiasi terra sconosciuta trovata in rotta per la Spagna.

Il 3 agosto 1492 Colombo salpò dalla Spagna con tre navi, la Nina , la Pinta e la Santa Maria . Arrivò nei Caraibi il 12 ottobre 1492 dopo aver avvistato un'isola alle Bahamas. Cristoforo Colombo chiamò quest'isola San Salvador, ma il suo nome originale dal popolo lucano che viveva lì è Guanahani . Quando Cristoforo Colombo incontrò il popolo lucayano Taino, rimase colpito dalla loro generosità, gentilezza e natura gentile. Colombo non si rese conto di non aver raggiunto l'Asia e si riferì erroneamente al popolo Taino come indiani. Vide che a San Salvador e nell'isola di Cuba le persone indossavano ornamenti d'oro e perle. Lui ei suoi uomini rimasero per tre mesi a raccogliere oro, nuovi cibi e spezie. Nel 1493, Colombo tornò in Spagna con i suoi tesori per la regina Isabella e il re Ferdinando. Ha anche promesso loro che avrebbe riportato loro "tutto l'oro di cui hanno bisogno ... e tutti gli schiavi che chiedono". A Colombo viene attribuito il merito di aver introdotto nuove piante, animali e risorse, nonché di aver avviato il primo commercio transatlantico di persone schiavizzate dalle Americhe all'Europa (quella che viene definita la Borsa colombiana).

Colombo avrebbe fatto altri tre viaggi nei Caraibi. L'obiettivo di Colombo e dei conquistatori spagnoli che seguirono era quello di conquistare le numerose isole dei Caraibi, sfruttare la terra e controllare la sua gente. Gli indigeni furono costretti a convertirsi al cristianesimo o ad essere ridotti in schiavitù. Sono stati costretti a lavorare nelle miniere d'oro e nelle piantagioni spagnole. Sono stati brutalmente puniti, torturati o uccisi per aver disobbedito o resistito al dominio spagnolo. Le atrocità commesse da Colombo e dai suoi uomini contro gli indigeni furono così orribili che Colombo fu persino imprigionato per un periodo di tempo per cattiva gestione dei territori nel 1500. Gli storici stimano che entro i primi 20 anni di contatto con gli spagnoli, il 90% dei La popolazione indigena fu assassinata, ridotta in schiavitù o morì per malattie di cui non erano immuni che furono inavvertitamente portate dagli europei.

Oggi

Nonostante il genocidio commesso da Colombo, dai conquistatori spagnoli e da altri colonizzatori europei, le popolazioni indigene dei Caraibi sopravvivono oggi. Ci sono molte persone in tutti i Caraibi che possono far risalire la loro ascendenza genetica ai popoli Taíno, Lucayan e Carib. Alcuni dei gruppi Taíno più grandi e attivi si trovano a Puerto Rico (Borikén a Taíno). Le influenze delle popolazioni indigene dei Caraibi sono viste e ascoltate tutt'intorno a noi nella lingua che parliamo, nei cibi che mangiamo e negli strumenti che suoniamo, e c'è una rinascita di sforzi in tutto il mondo per onorare il loro passato e il loro presente.

Con le attività di questo programma di lezioni, gli studenti dimostreranno ciò che hanno imparato sui popoli indigeni dei Caraibi. Acquisiranno familiarità con l'ambiente, le risorse, le tradizioni e la cultura.


Domande essenziali per i popoli indigeni della regione caraibica

  1. Chi sono le popolazioni indigene dei Caraibi?
  2. Dov'è la regione dei Caraibi e qual è il suo ambiente?
  3. In che modo l'ambiente ha avuto un impatto sullo sviluppo della cultura e delle tradizioni delle popolazioni indigene della regione caraibica?

Prezzi Istruzione

Questa struttura dei prezzi è disponibile solo per le istituzioni accademiche. Storyboard That accetta gli ordini di acquisto.

Single Teacher

Insegnante Singolo

A partire da / mese

Inizia la mia Prova

Department

Dipartimento

A partire da / mese

Per Saperne di più

School

Distretto scolastico

A partire da / mese

Per Saperne di più

*(Avvia una prova gratuita di 2 settimane senza bisogno di carta di credito)
Trova altri programmi di lezioni e attività come queste nella nostra categoria Studi sociali!
Visualizza Tutte le Risorse Dell'insegnante
https://www.storyboardthat.com/it/lesson-plans/popoli-indigeni-dei-caraibi
© 2020 - Clever Prototypes, LLC - Tutti i diritti riservati.
Oltre 15 milioni di storyboard creati
Storyboard That Family