Domande sull'apprendimento remoto?

https://www.storyboardthat.com/it/lesson-plans/popoli-indigeni-dell'artico

First Nations of the Arctic Subarctic


Circa 15.000 anni fa, le persone iniziarono ad attraversare lo stretto di Bering dall'Asia in quella che oggi è l'Alaska e alla fine si stabilirono in ogni parte del Nord America. L'ambiente in cui le persone si stabilirono ha influenzato gli adattamenti che hanno inventato e lo sviluppo della loro cultura. Per migliaia di anni, le popolazioni indigene hanno vissuto nelle regioni artiche e subartiche del Nord America adattandosi alla loro patria impegnativa con modi ingegnosi e innovativi di utilizzare le risorse naturali per costruire un rifugio, trovare cibo, confezionare vestiti e sviluppare culture e tradizioni complesse, arte e religione che sono radicate in armonia con la terra e il mare.

Attività degli studenti per Popoli Indigeni Dell'Artico includono:




Creare uno Storyboard*


I popoli indigeni della regione artica e subartica

La regione artica si trova nelle parti più settentrionali del Nord America, dell'Asia e dell'Europa che circondano il Polo Nord. L'Artico nel Nord America si estende dall'attuale Alaska settentrionale, dal Canada settentrionale e dalla Groenlandia. Il terreno è una vasta tundra molto fredda e piatta. Questo aspro paesaggio è coperto di ghiaccio, neve e acqua gelata tutto l'anno. Poiché si tratta di un deserto ghiacciato, c'è pochissima vegetazione, solo arbusti e piante della tundra. Gli inverni sono molto lunghi ed estremamente freddi con una temperatura media di -18 ° C. A causa dell'inclinazione della terra, per mesi durante l'inverno c'è poca o nessuna luce solare, questi giorni sono noti come notti polari. Le estati hanno una media di 37 ° F e sperimentano l'effetto opposto dell'aumento della luce diurna dove ci sono alcuni mesi di 24 ore di luce solare, guadagnandosi il soprannome: Terra del sole di mezzanotte. La splendida aurora boreale , o aurora boreale , è visibile nelle regioni artiche e subartiche. Questo fenomeno è uno spettacolo di luce naturale di colori brillanti nel cielo terrestre. Ci sono dozzine di diverse popolazioni indigene nell'Artico tra cui: Athabascan (Dene), Aleut, Yup'ik e Inuit (Iñupiat) in Alaska, Inuit (Inuvialuit) in Canada e Inuit (Kalaallit) in Groenlandia.

La regione subartica si trova a sud della regione artica e comprende gran parte dell'Alaska e del Canada che si estende dal mare di Bering al largo della costa dell'Alaska, oltre la baia di Hudson, fino al mare del Labrador. L'area ha anche inverni lunghi e freddi ed estati brevi e miti. Il terreno sotto la superficie della terra nella regione subartica è permanentemente congelato o chiamato permafrost . Tuttavia, lo strato superiore del terreno si scioglie in primavera e in estate rivelando erbe, arbusti, muschi, licheni e alcune piante da fiore come la sassifraga di montagna viola. La regione subartica ha una taiga o foresta boreale che è una foresta di conifere come pini, abeti rossi e larici. I popoli indigeni della regione subartica includono Athabascan (Dene), Cree, Ojibwa, Atikamekw, Innu e Beothuk tra molti altri.

Risorse naturali

Nonostante l'ambiente difficile, queste regioni hanno una fauna estremamente diversificata. Molti animali vivono nella tundra ghiacciata, nelle foreste boreali o nel mare ghiacciato. Alcuni esempi di animali includono l'Artico: volpe, scoiattolo di terra, lepre, sterna e lupo. Ci sono anche caribù (renne), orsi polari, aquile calve, trichechi, foche arpa, orche, balene beluga, squali, narvali, pecore dall, ermellino (ermellino), pulcinelle di mare, lontre marine e ghiottoni. Molti animali come la volpe artica hanno adattamenti affascinanti all'ambiente come il cambiamento di colore della loro pelliccia. In estate, le volpi artiche hanno un mantello marrone e grigio per abbinare le erbe e le rocce nella regione scongelata. In inverno la volpe artica ha un mantello bianco come la neve in modo da non essere vista dai predatori.

A causa del terreno e del clima aspri, l'agricoltura non era possibile e quindi le popolazioni indigene dell'Artico e del Subartico erano nomadi: si spostavano da un luogo all'altro alla ricerca di risorse naturali per soddisfare i loro bisogni di cibo, vestiti e riparo. Nei mesi più caldi, raccoglievano bacche, radici, erbe, bulbi e alghe e raccoglievano anche uova di uccelli selvatici per nutrirsi. Anche i popoli indigeni dell'Artico e del Subartico facevano molto affidamento sulla pesca e la caccia di animali come foche e trichechi. Le balene venivano persino cacciate usando una grande barca chiamata umiak . Gli Umiaks erano costruiti con una struttura di legni, costole di tricheco o ossa di balena, ricoperti di pelli di tricheco o di foca e ricoperti di olio per rendere la barca a tenuta stagna. Gli umiaks erano molto grandi e potevano trasportare molte persone per la caccia alle balene o per il trasporto. Un'altra barca inventata dai popoli indigeni dell'Artico erano i kayak . Questi sono stati costruiti per essere utilizzati da una persona e remati utilizzando un remo a doppia pagaia. I kayak erano veloci e silenziosi nell'acqua e utili per la caccia o per i viaggi. Dopo una caccia, uno strumento chiamato ulu veniva tradizionalmente utilizzato dalle donne per pulire, pelare e preparare l'animale per la cottura. Un ulu è un coltello a manico corto con una lama larga e piatta a forma di mezzaluna.

La caccia alle foche potrebbe essere effettuata da un piccolo gruppo o da un cacciatore individuale e dai suoi cani. I cani sono molto importanti per gli Inuit e altre culture. Più che semplici animali domestici e compagni, i cani erano vitali per la sopravvivenza. I cani potevano trasportare confezioni e aiutare con la caccia usando il naso per sentire dove si trovavano le foche sotto il ghiaccio. I cacciatori ringraziano molto la "dea del mare" quando catturano una foca. Il sigillo fornisce gran parte di ciò che è necessario per sopravvivere ai rigidi inverni: carne per il cibo, grasso per il carburante per cucinare, luce e calore dal fuoco, nonché pelliccia per vestiti, scarpe, coperte e case. I popoli indigeni come gli Inuit rispettano molto la foca e tutti gli animali che cacciano e nessuna parte è mai stata sprecata. Allo stesso modo, se una balena viene catturata, può fornire abbastanza sostentamento per un intero villaggio per l'inverno. Anche i loro cani vengono ringraziati per l'aiuto che forniscono. I cani sono amati e trattati con rispetto per il ruolo vitale che svolgono nella sopravvivenza.

Un altro uso importante per i cani da parte degli Inuit e di altri popoli indigeni dell'Artico sono i cani da slitta. Branchi di cani sono stati allevati e addestrati a tirare slitte fatte di ossa di animali e corde di foche che trasportano i loro proprietari e le merci attraverso la gelida tundra. Viaggiare in slitta e camminare erano i principali mezzi di trasporto attraverso la neve e la terra coperta di ghiaccio. I conducenti di slitte trainate da cani sono chiamati musher . Anche le corse di cani da slitta sono diventate uno sport popolare. L' Iditarod è una famosa gara di slitte trainate da cani di 1.000 miglia che si svolge in Alaska ogni anno.

Oltre a foche, balene e trichechi, venivano cacciati anche alci, lepri artiche, volpi artiche e pecore di montagna. Il caribù o la renna era un altro animale importante per le popolazioni indigene dell'Artico e del Subartico. La pelliccia di caribù veniva usata per confezionare vestiti come cappotti, pantaloni, cappelli e guanti. I cappotti erano spesso decorati artisticamente e magnificamente con perline di vetro, denti di caribù e zanne di tricheco. Un altro capo di abbigliamento caldo sono stivali speciali chiamati mukluks . I mukluks o kamik sono stivali morbidi, alti e caldi, tradizionalmente fatti di pelle di caribù o di foca. Per 2000 anni, gli occhiali da neve sono stati scolpiti da zanne di tricheco in legno, osso o avorio. Erano importanti per proteggere gli occhi e diminuire il riverbero del sole sulla neve luminosa. Le prime nazioni come i Cree del Subartico fabbricarono racchette da neve in legno e pelle di animale per camminare attraverso i profondi cumuli di neve in inverno.

La sopravvivenza delle popolazioni indigene dipendeva dalla loro collaborazione reciproca. Pertanto, quando un cacciatore portava a casa una foca o un altro pesce, lo condivideva con gioia e con orgoglio con i suoi vicini. I villaggi erano composti da 6 a 30 case. Le case erano rifugi temporanei poiché le popolazioni indigene avevano bisogno di spostarsi stagionalmente per cacciare, pescare e raccogliere. In inverno, persone come gli Inuit costruivano igloo fatti di spessi blocchi di ghiaccio e neve. Avevano un tunnel per un'apertura che avrebbe aiutato a intrappolare il freddo. All'interno della porzione principale dell'abitazione potrebbe raggiungere i 60 ° F. Gli igloo potevano ospitare comodamente fino a venti persone. In primavera e in estate, le case erano tradizionalmente tende costruite con un telaio in legno o osso avvolto con pelliccia di caribù o pelle di foca. Queste tende di pelle erano simili ai tipi costruiti dai loro vicini meridionali.

Tradizioni e credenze

I popoli indigeni dell'Artico e del Subartico sono esperti nella narrazione, utilizzano miti e leggende per insegnare la moralità e come vivere in armonia con la terra. Sono abili artigiani che intagliano ciondoli da caccia in avorio di tricheco, corna di osso o caribù a forma di foche o altri animali. Hanno anche realizzato icone religiose e maschere di legno che assomigliavano ad animali per pregare per la caccia di successo. I leader religiosi chiamati sciamani comunicavano con gli spiriti per pregare per la buona salute e la caccia. Canto, danza, narrazione e poesia erano presenti durante gli incontri sociali e religiosi. Rispettare gli animali che cacciavano era fondamentale per la loro religione. Credevano che quando gli animali venivano uccisi il loro spirito sarebbe passato a un altro animale. Per l'intrattenimento, i giochi tradizionali come il salto delle nocche e il lancio delle coperte venivano giocati e continuano nelle comunità di oggi.

Inuit e altre culture indigene dell'Artico hanno mostrato l'affettuoso saluto di strofinare il naso con i loro cari. Questo era naturalmente perché gran parte del viso e del corpo erano coperti dal freddo. Questo è più comunemente fatto dalle madri con i loro figli e non un saluto formale come hanno implicato alcuni pregiudizi. Un altro esempio di disinformazione è il termine eschimese, che, sebbene ampiamente noto, è considerato offensivo da molti e non dovrebbe essere usato. Il termine "eschimese" era una parola data da esploratori e colonizzatori europei per descrivere i popoli indigeni del nord che incontrarono e non un termine che i popoli indigeni userebbero tradizionalmente per se stessi. Pertanto, è sempre meglio essere più specifici con il gruppo di persone che stai descrivendo usando il loro nome corretto come: Kalaallit in Groenlandia, Inuvialuit in Canada e Inuit (Iñupiat), Aleut o Yup'ik in Alaska , per esempio.

I popoli indigeni dell'Artico e del Subartico hanno trovato modi per esplorare, adattarsi e prosperare in un ambiente estremamente difficile. La terra ricca di caratteristiche geografiche uniche e fauna selvatica diversificata è la linfa vitale delle persone che sono sopravvissute per millenni a una cultura della caccia sostenibile che è stata tramandata di generazione in generazione. Come con altri popoli indigeni, furono fortemente influenzati dall'arrivo dei colonizzatori europei e dalla cessazione delle loro terre da parte degli Stati Uniti e del Canada. Entro la fine del XIX secolo, la colonizzazione della terra, la discriminazione e le malattie portate da estranei decimarono le popolazioni native. Sia gli Stati Uniti che il Canada hanno promosso una politica che avrebbe costretto le popolazioni indigene a frequentare collegi dove l'obiettivo era quello di dimenticare la lingua e la cultura della loro nascita e sostituirle con la cultura occidentale dominante. La cancellazione della cultura e la discriminazione che queste "scuole residenziali" hanno creato hanno avuto un impatto negativo sulle popolazioni indigene negli Stati Uniti e in Canada per generazioni.

I popoli indigeni oggi

Come gran parte del mondo, l'Artico si trova ad affrontare gravi minacce a causa dei cambiamenti climatici. Il riscaldamento globale sta causando lo scioglimento del ghiaccio marino e dei ghiacciai e il disgelo del permafrost. Questo minaccia i villaggi costieri con inondazioni, grandi tempeste ed erosione. Nonostante queste numerose difficoltà, i popoli indigeni continuano a prosperare oggi, mantenendo la loro cultura e vivendo anche in modi moderni. I popoli indigeni sono estremamente diversi e non possono mai essere considerati un gruppo monolitico. Le persone di origine indigena hanno contribuito e continuano a contribuire notevolmente a tutti gli aspetti della vita: arte, architettura, agricoltura, scienza, governo e molto altro ancora. Molti vivono in case in stile moderno, usano motoslitte, GPS e hanno persino sviluppato app per insegnare ai loro figli la loro lingua madre. Mentre molti indigeni vivono in modi diversi dai loro antenati, ce ne sono molti che praticano le loro usanze tradizionali per preservare il loro stile di vita per le generazioni future.

Con le attività di questo programma di lezioni, gli studenti dimostreranno ciò che hanno imparato sui popoli indigeni della regione artica / subartica . Acquisiranno familiarità con l'ambiente, le risorse, le tradizioni e la cultura.


Domande essenziali per i popoli indigeni della regione artica / subartica

  1. Chi sono le popolazioni indigene della regione artica / subartica?
  2. Dov'è la regione artica / subartica e qual è il suo ambiente?
  3. In che modo l'ambiente ha avuto un impatto sullo sviluppo della cultura e delle tradizioni delle popolazioni indigene della regione artica / subartica?

Prezzi Istruzione

Questa struttura dei prezzi è disponibile solo per le istituzioni accademiche. Storyboard That accetta gli ordini di acquisto.

Single Teacher

Insegnante Singolo

A partire da / mese

Inizia la mia Prova

Department

Dipartimento

A partire da / mese

Per Saperne di più

School

Distretto scolastico

A partire da / mese

Per Saperne di più

*(Avvia una prova gratuita di 2 settimane senza bisogno di carta di credito)
Trova altri programmi di lezioni e attività come queste nella nostra categoria Storia!
Visualizza Tutte le Risorse Dell'insegnante
https://www.storyboardthat.com/it/lesson-plans/popoli-indigeni-dell'artico
© 2020 - Clever Prototypes, LLC - Tutti i diritti riservati.
Oltre 15 milioni di storyboard creati
Storyboard That Family