Domande sull'apprendimento remoto?

https://www.storyboardthat.com/it/lesson-plans/guerra-rivoluzionaria

The American Revolution


La rivoluzione americana è stata una guerra intrapresa dalle 13 colonie americane per rovesciare il dominio britannico e diventare una nazione indipendente. Gli storici concordano sul fatto che sia iniziato con il "colpo sentito in tutto il mondo" nella battaglia di Lexington e Concord il 19 aprile 1775 e ufficialmente concluso con il Trattato di Parigi nel 1783. Il risultato finale fu una nuova nazione e una nuova forma di governo che ha ispirato la creazione di democrazie in tutto il mondo.

Attività degli studenti per Guerra Rivoluzionaria includono:




Creare uno Storyboard*


Eventi che hanno portato alla rivoluzione americana

Nel 1700, le 13 colonie americane erano sotto il controllo della Gran Bretagna e obbedivano alle leggi fatte dal Parlamento e dal re britannico. Dal 1754 al 1763 ci furono molte battaglie per il controllo del territorio in Nord America. Chiamate guerra franco-indiana, queste battaglie facevano parte della più grande guerra dei sette anni tra Francia, Inghilterra e altri. Dopo che gli inglesi furono vittoriosi, rivendicarono più terra nel Nord America, inclusa la terra ad ovest delle 13 colonie fino al fiume Mississippi. Tuttavia, con la proclamazione britannica del 1763, il Parlamento e il re Giorgio III cercarono di mantenere la pace tra i loro coloni americani ei nativi americani che vivevano lì da migliaia di anni. Il proclama affermava che i coloni non potevano stabilirsi a ovest delle 13 colonie originali. Coloni come George Washington pensavano che fosse ingiusto e consideravano loro diritto stabilirsi ovunque volessero. Ciò creò tensioni tra la Gran Bretagna e le colonie sul loro desiderio di autogoverno.

Per anni, le colonie erano state lasciate sole a governarsi principalmente da sole. Avevano goduto di un approccio piuttosto laissez-faire , o senza mani, da parte del governo britannico a causa della loro grande distanza. Dopo la Guerra dei Sette Anni, la Gran Bretagna era in debito enorme. Per risolvere questo problema, istituirono una serie di tasse sui coloni. Lo Sugar Act del 1764, il Quartering and Stamp Acts del 1765 e il Townshend Act del 1767 incontrarono resistenza da parte dei coloni, non solo a causa della tensione economica che causavano, ma perché erano un esempio di "tassazione senza rappresentanza". I coloni denunciavano il fatto di non avere alcun controllo sulle leggi che venivano loro imposte perché non avevano un'adeguata rappresentanza nel parlamento britannico.

Le tensioni aumentarono ulteriormente il 5 marzo 1770 quando scoppiò una rivolta a Boston, MA in cui i soldati britannici spararono e uccisero 5 uomini, tra cui Crispus Attucks. Considerato le prime vittime della rivoluzione americana, l'evento è stato utilizzato come catalizzatore per alimentare i crescenti sentimenti di resistenza alla Gran Bretagna nelle colonie. L'argentiere Paul Revere fece un'incisione dell'incidente e lo chiamò "Il massacro di Boston".

Dopo il Tea Act, i coloni hanno richiesto ai coloni di acquistare solo tè dalla compagnia britannica delle Indie Orientali, i "Figli della Libertà", come Sam Adams e John Hancock, a Boston si sono impegnati in una protesta. Hanno scaricato 92.000 libbre di tè nel porto di Boston il 16 dicembre 1773. Ciò è stato accolto con rapida condanna dal governo britannico che ha chiuso il porto di Boston e ha chiesto che il costo della merce perduta fosse rimborsato. Quando gli inglesi che occupavano Boston seppero che i coloni avevano immagazzinato munizioni e rifornimenti a Concord, il generale Gage inviò i suoi soldati a marciare per sedare l'insurrezione. Ciò ha portato alla battaglia di Lexington e Concord il 19 aprile 1775, che è considerata la prima battaglia della guerra rivoluzionaria. Paul Revere ha fatto la sua famosa cavalcata di mezzanotte il 18 aprile per avvertire i coloni del loro imminente arrivo. Anche se non ha completato la sua corsa, l'avvertimento che lui ei suoi colleghi hanno dato ha aiutato i Patriots a vincere la loro prima vittoria.

La rivoluzione americana: 1775-1783

Nel 1776, le colonie americane dichiararono formalmente la loro intenzione di formare una nuova nazione separata dalla Gran Bretagna con la Dichiarazione di Indipendenza. È stato scritto da Thomas Jefferson con l'aiuto di Benjamin Franklin e John Adams. I patrioti credevano che il re Giorgio III fosse un tiranno che non difendeva i loro diritti costituzionali come cittadini britannici. Sentivano che l'unica linea di condotta era dichiarare la loro indipendenza e spiegare il loro ragionamento al mondo. I lealisti vedevano il documento come traditore.

L'esercito continentale, la marina e le milizie di George Washington combatterono contro re Giorgio. Le forze britanniche erano composte da regolari, iuta, lealisti, nativi americani e la grande marina britannica, considerata la più potente del mondo. Le vittorie britanniche a New York e nel New Jersey inizialmente demoralizzarono Washington e gli americani. Successivamente, le vittorie a Trenton incoraggiarono gli americani e dimostrarono agli inglesi che erano una forza con cui fare i conti. Gli aiuti di paesi come Spagna, Germania e Francia, con il generale Marchese de Lafayette, aiutarono i patrioti contro il formidabile impero britannico.

La guerra continuò fino alla battaglia finale a Yorktown, Virginia, nel 1781. Con l'aiuto dei francesi, gli americani tagliarono ogni possibilità di ritirata. Il generale Cornwallis si arrese al generale George Washington, che segnò la fine non ufficiale della guerra. Battaglie più piccole continuarono insieme a due anni di negoziati e il Trattato di Parigi fu finalmente firmato il 3 settembre 1783. La Gran Bretagna riconobbe formalmente gli Stati Uniti come nazione indipendente, portando la Rivoluzione americana al termine dopo otto lunghi anni.

Le donne nella rivoluzione americana

Alcune delle voci che non vengono sempre ascoltate nella ri-narrazione della Rivoluzione americana sono quelle di donne, afroamericani e nativi americani che avevano le loro prospettive e contributi alle cause lealiste e patriote durante la guerra.

Le donne hanno aiutato sul fronte interno a raccogliere fondi per sostenere lo sforzo bellico, boicottando il tè britannico e altri prodotti fabbricandoli da soli e cucendo uniformi e coperte per le truppe. Molti sono stati lasciati a gestire fattorie o attività commerciali, nonché a prendersi cura dei propri figli mentre i mariti erano assenti a combattere. Alcuni rimasero indigenti quando le loro case e i loro mezzi di sussistenza furono distrutti in battaglia.

Anche le donne hanno assistito all'azione sul campo di battaglia. Alcune erano infermiere che si prendevano cura dei feriti, altre presero le armi stesse! Deborah Sampson si è vestita da uomo e ha combattuto in diverse battaglie. Molly Pitcher ha preso il posto di suo marito armato di un cannone quando è stato ferito nella battaglia di Monmouth.

Mercy Otis Warren ha usato la sua abilità di scrittrice per pubblicare articoli a sostegno dei patrioti e contro le ingiustizie della Gran Bretagna per ottenere sostegno per la guerra. Mary Katherine Goddard è stata editrice e direttrice postale del Baltimore Post Office dal 1775 al 1789. È stata la seconda stampatrice a stampare la Dichiarazione di indipendenza!

Le donne di entrambe le parti servivano da spie. Ann Bates si infiltrò nel campo di Washington a White Plains, NY nel 1778, fingendo di essere un venditore ambulante. Ha tracciato la mappa del campo, ha contato gli uomini, le armi e le provviste e ha consegnato le informazioni agli inglesi. Lydia Darragh e la sua famiglia quacchera si schierarono con i Patriots. Spiò gli incontri britannici quando occuparono Filadelfia e fornì preziose informazioni ai patrioti, avvertendoli persino che il generale britannico Howe pianificò un attacco a sorpresa a Washington e al suo esercito nel 1777!

Afroamericani nella rivoluzione americana

Mezzo milione di afroamericani schiavi vivevano nelle colonie nel 1776. La Rivoluzione portò la speranza di libertà per molti poiché gli inglesi offrirono loro una possibilità di libertà in cambio della fuga dai loro schiavi e unirsi alla causa britannica. Con grande rischio, migliaia di africani ridotti in schiavitù fuggirono per servire gli inglesi come spie, soldati, cuochi e altri lavori nella speranza della libertà.

Si stima che anche 5.000-8.000 afroamericani abbiano combattuto per i patrioti. Peter Salem è nato schiavo a Framingham, MA. Con la promessa di libertà, Salem divenne un Minuteman, unendosi all'esercito dei Patriot e combattendo eroicamente nella battaglia di Lexington e Concord e nella battaglia di Bunker Hill a Boston nel 1775, tra gli altri. Ha servito nell'esercito fino al 1780.

Phyllis Wheatley, una donna schiava a Boston, MA, è stata anche un'acclamata scrittrice che è stata una dei primi autori schiavi ad essere pubblicata. Una delle sue poesie onorava George Washington ed era famosa per aver ispirato i patrioti a non perdere la speranza nella loro causa.

Gli afroamericani servivano anche come spie. James Armistead era un uomo schiavo in Virginia che è stato offerto dal suo schiavo per assistere il marchese de Lafayette come spia. Lavorando come doppio agente, Armistead ha fornito preziose informazioni agli americani sui piani britannici e informazioni fuorvianti agli inglesi che si fidavano di lui. Le sue informazioni hanno portato alla vittoria nella battaglia di Yorktown. Ma Armistead fu costretto a tornare in schiavitù. Ha presentato una petizione al Congresso per diversi anni per la sua libertà. Infine, il marchese de Lafayette scrisse una lettera al Congresso per conto di Armistead e Armistead ottenne la libertà nel 1787. Armistead incluse formalmente Lafayette nel suo nome come gratitudine, diventando James Armistead Lafayette.

Nativi americani nella rivoluzione americana

I popoli indigeni del Nord America avevano a lungo affrontato conflitti, morte e allontanamento dalle loro terre per mano dei coloni americani. Quando scoppiò la rivoluzione, molti volevano rimanere neutrali, temendo di aver già perso troppo. Non capivano le liti tra il governo britannico ei suoi sudditi americani e non volevano mettersi in mezzo. Ma era difficile rimanere neutrali. Gli inglesi e gli americani gareggiavano per il loro aiuto mentre a volte decimavano anche i villaggi dei nativi americani prendendo cibo e rifornimenti, causando fame e stenti diffusi.

Molti nativi americani temevano che una vittoria americana avrebbe assicurato che i coloni si sarebbero stabiliti verso ovest, invadendo ulteriormente le loro terre. Per questo motivo, la maggior parte delle Prime Nazioni si è alleata con gli inglesi. I Cherokee, i Creek e altri nel sud, insieme alla Confederazione irochese ( Haudenosaunee ) nel nord, fornirono un aiuto cruciale agli inglesi che non avevano familiarità con il paesaggio. La guerra ha spezzato la secolare Grande Pace degli Haudenosaunee con i Mohawk, Onondaga, Cayuga e Seneca che si sono alleati con gli inglesi e gli Oneida e Tuscarora che hanno aiutato gli americani. I leader Mohawk Joseph Brant (Thayendanegea) e sua sorella Molly Brant (Degonwadonti) usarono la loro grande influenza per convincere la Confederazione irochese a sostenere gli inglesi e fornirono un aiuto prezioso. Quando la guerra finì, Joseph e Molly Brant fuggirono in Canada e ottennero una pensione per il loro servizio alla Corona.

Gli Oneida e i Tuscarora ruppero con la Confederazione irochese e sostenevano gli americani, aiutando a scovare e condurre incursioni insieme allo Stockbridge del Massachusetts. Capo Guyashuta degli Ohio Seneca, Capo Cornstalk degli Shawnee e Capo White Eyes dei Delaware hanno cercato di mantenere la pace con gli americani, ma le loro nazioni hanno cambiato alleanza per sostenere gli inglesi dopo che i soldati americani uccisero Chief Cornstalk nel 1777, Chief White Eyes nel 1778 e massacrò un villaggio di pacifici nativi americani del Delaware della Moravia senza motivo nel 1782.

Nel 1783, il Trattato di Parigi fu firmato con gli inglesi, cedendo le 13 colonie e la terra ad ovest al fiume Mississippi e ignorando i nativi americani che vivevano lì. Alcuni nativi americani che aiutarono gli inglesi fuggirono in Canada mentre altri rimasero e continuarono a combattere per riguadagnare i rapporti con gli americani e conservare così la loro terra. I nuovi Stati Uniti continuarono ad espandersi verso ovest, prendendo le terre dei nativi americani per trattato e con la forza, indipendentemente da chi avessero sostenuto durante la guerra.

Domande essenziali per la rivoluzione americana

  1. Quali azioni britanniche fecero arrabbiare i coloni nel 1700?
  2. Quali erano gli argomenti a favore e contro l'indipendenza coloniale dalla Gran Bretagna?
  3. Come hanno fatto i coloni a vincere la rivoluzione americana?
  4. Chi erano alcuni importanti patrioti della rivoluzione americana e quali furono i loro contributi?
  5. Chi erano alcuni importanti lealisti della rivoluzione americana e quali furono i loro contributi?
  6. Quali sono stati alcuni contributi e prospettive di donne, afroamericani e nativi americani durante la guerra rivoluzionaria?

Informazioni e lezioni aggiuntive

Alcuni di questi programmi e attività di lezione sono rivolti agli studenti più grandi, ma possono essere un ottimo riferimento per gli insegnanti e le attività possono essere adattate per i gradi più giovani come desiderato.

Prezzi Istruzione

Questa struttura dei prezzi è disponibile solo per le istituzioni accademiche. Storyboard That accetta gli ordini di acquisto.

Single Teacher

Insegnante Singolo

A partire da / mese

Inizia la mia Prova

Department

Dipartimento

A partire da / mese

Per Saperne di più

School

Distretto scolastico

A partire da / mese

Per Saperne di più

*(Avvia una prova gratuita di 2 settimane senza bisogno di carta di credito)
Trova altri programmi di lezioni e attività come queste nella nostra categoria Studi sociali!
Visualizza Tutte le Risorse Dell'insegnante
https://www.storyboardthat.com/it/lesson-plans/guerra-rivoluzionaria
© 2020 - Clever Prototypes, LLC - Tutti i diritti riservati.
Oltre 15 milioni di storyboard creati
Storyboard That Family