L'epopea di Gilgamesh
Updated: 1/16/2021
L'epopea di Gilgamesh

Storyboard Description

I poster di biografia e storia sono un ottimo modo per visualizzare fatti e informazioni importanti su importanti personaggi o eventi storici in modo artistico, memorabile e accattivante. Questo poster descrive la storia di Gilgamesh, che si crede sia un vero sovrano dell'antico Sumero le cui imprese furono descritte nel poema epico scritto nel 1800 a.C. e ritenuto essere la prima grande opera letteraria e il secondo testo religioso più antico conosciuto.

Storyboard Text

  • L'Epopea di Gilgamesh è la prima opera letteraria conosciuta al mondo. È un resoconto delle mitiche avventure di un re sumero di nome Gilgamesh. Era scritto in cuneiforme su 12 tavolette di pietra. Gilgamesh era così potente che è spesso raffigurato con un leone che ha domato.
  • Enkidu e Gilgamesh combattono Enkidu sfidò Gilgamesh ei due combatterono ferocemente. Combatterono per un'intera giornata e al sorgere della luna, Enkidu si rese conto che non sarebbe stato in grado di sconfiggere il potente Gilgamesh. Enkidu ha ammesso, ma Gilgamesh è rimasto impressionato dalla forza di Enkidu. I due hanno concluso la giornata da amici.
  • EPICO DI GILGAMESH
  • 2150-1400 a.C.
  • Gilgamesh il Crudele 4.000 anni fa, Gilgamesh era il sovrano della città-stato sumera di Uruk. Si diceva che fosse 1/3 umano e 2/3 dio e possedeva una forza super umana. Come re, fece costruire enormi mura intorno a Uruk per tenere lontani gli intrusi. Tuttavia, all'interno delle mura, Gilgamesh era un sovrano opprimente e crudele. Il popolo di Uruk pregò il dio del cielo Anu di punire Gilgamesh per i suoi crimini contro di loro. Per rispondere alle loro grida, Anu inviò l'uomo selvaggio, Enkidu, a devastare la città di Gilgamesh come punizione.
  • Gilgamesh ed Enkidu in una missione Gilgamesh ed Enkidu cercarono l'avventura così si recarono nella foresta di cedri per uccidere il demone, Humbaba, che viveva lì e per abbattere i preziosi alberi di cedro. Quando arrivarono, Enkidu e Gilgamesh iniziarono a tagliare gli alberi di cedro, ma il demone Humbaba li vide e li attaccò! Gilgamesh ed Enkidu hanno combattuto coraggiosamente e sono riusciti a uccidere Humbaba. Trionfanti, abbatterono l'albero più alto della foresta e scolpirono un possente cancello per le mura di Uruk. Gilgamesh ed Enkidu tornarono vittoriosi a Uruk.
  • Morte di Enkidu Al loro ritorno, Enkidu si ammalò, essendo stato maledetto dal demone Humbaba. Nel suo stato indebolito, Enkidu sognava il mondo sotterraneo, il luogo dopo la morte, e disse a Gilgamesh che era un luogo buio e polveroso pieno di dolore. Dopo 12 lunghi giorni di sofferenza, Enkidu morì. Gilgamesh era così sconvolto che istruì l'intero regno a piangere per Enkidu. Di fronte alla prospettiva della propria mortalità, Gilgamesh giurò di trovare il segreto della vita eterna.
  • Gilgamesh e il segreto della vita eterna Gilgamesh cercò Utnapishtim, a cui fu concessa l'immortalità dagli dei. Gilgamesh si avventurò per giorni per raggiungere le acque della morte. Dopo aver costretto Gilgamesh ad abbattere 300 alberi e costruire 1000 remi, il barcaiolo Urshanabi accettò di portare Gilgamesh attraverso le acque della morte per vedere Utnapishtim. Utnapishtim ha detto che avrebbe concesso la vita eterna se Gilgamesh potesse rimanere sveglio per 6 giorni e 7 notti. Gilgamesh acconsentì ma dopo il lungo e faticoso viaggio si addormentò. Utnapishtim diede a Gilgamesh un'altra possibilità. Gli raccontò di un fiore speciale che cresceva in fondo al mare che gli avrebbe garantito l'immortalità. Gilgamesh nuotò in fondo al mare e trovò il fiore. Quando era a terra, deponeva il fiore mentre si riposava e faceva il bagno. Un serpente scivolò giù dalle dune e mangiò il fiore! Gilgamesh fu schiacciato e tornato a Uruk sconfitto. Mentre Gilgamesh si avvicinava alle mura massicce e finemente lavorate di Uruk, si rese conto che anche se potrebbe non vivere per sempre, i suoi successi e le sue creazioni vivranno per raccontare la sua grandezza.