https://www.storyboardthat.com/it/articles/e/linguaggio-figurativo

Linguaggio Figurativo

By Kristy Littlehale

Trova questo nucleo comune allineata Guida per l'insegnante e più come nel nostro liceo ELA Categoria!

Definizione del linguaggio figurativo

Linguaggio che trasmette significati interpretati in modo fantasioso piuttosto che letterale


Il linguaggio figurativo è usato sia in letteratura che in poesia per creare strati di significato che il lettore accede attraverso i sensi, il simbolismo e i dispositivi sonori. Il linguaggio figurativo avvicina il lettore al tema del lavoro, senza che l'autore debba esplicitare il tema per il lettore. È un modo per il lettore di inserire le parole con le loro menti ed emozioni, piuttosto che semplicemente comprendere una storia o un poema. Il linguaggio figurativo incoraggia il lettore a creare connessioni con i personaggi, la trama e il messaggio più profondo di un'opera che crea un'esperienza più memorabile per il lettore. Esistono diversi tipi di linguaggio figurativo, ma i più comuni sono:


Inoltre, allusioni e ironia sono anche tipi comuni di linguaggio figurativo. Dai un'occhiata al nostro articolo sulle allusioni e guarda il nostro articolo sui tre tipi di ironia.



Creare uno Storyboard 

(Avvia una prova gratuita di 2 settimane senza bisogno di carta di credito)



Figurative Language Examples
Figurative Language Examples

Esempio

Personalizza questo Storyboard

(Avvia una prova gratuita di 2 settimane senza bisogno di carta di credito)



Mostra Visivamente il Linguaggio Figurativo  

Similitudine

Una similitudine è un confronto tra due cose diverse che usano le parole "mi piace" o "come". È un modo per tracciare una connessione tra due idee o cose e creare un livello più profondo di significato per il lettore. Conosciuto per il suo uso delle similitudini in La tragedia di Romeo e Giulietta , William Shakespeare usa una similitudine per descrivere lo stupore di Romeo alla bellezza di Giulietta: "O, insegna alle torce a brillare! / La sua bellezza è appesa alla guancia della notte, / Come un ricco gioiello nell'orecchio di un Etiope. "In questa similitudine, Romeo sta iniziando il motivo della luce contro l'oscurità, dove Giulietta è sempre una luce splendente e tutto diventa buio attorno a lei.

Oltre alla similitudine tipica, ci sono anche similitudini omeriche o epiche che sono passaggi estesi che sviluppano una similitudine complessa e ornata. Ad esempio, in The Odyssey , Homer descrive il paletto dell'occhio dei Ciclopi con dettagli elaborati e quasi dolorosi: "... le sue radici scoppiettanti divamparono e sibilarono - mentre un fabbro immerge un'ascia incandescente o si ad acce in un bagno ghiacciato e il metallo stride il vapore e il suo temperamento si indurisce - questa è la forza del ferro - così l'occhio di Ciclope sfrecciò intorno a quel palo. "


In questo esempio, l'affondamento del palo caldo nell'occhio di Polifemo provocò un sibilo ardente simile a un fabbro che immergeva l'acciaio caldo nell'acqua. Schifoso! Ma la similitudine epica di Omero è così vivida che è difficile da dimenticare.


Metafora

A differenza di una similitudine, una metafora confronta due cose o idee diverse senza l'uso di "mi piace" o "come"; la connessione tra i due è più implicita di quella esplicitamente espressa dall'autore. Lo scopo di una metafora è stabilire nuovamente una connessione più profonda e un altro livello di significato per un personaggio, la trama o il tema. Una semplice metafora può essere trovata in " The Raven " di Edgar Allan Poe, quando il narratore osserva: "E ogni singolo tizzone morente agitava il suo fantasma sul pavimento", riferendosi alle braci morenti del fuoco trasformandosi in fantasmi, molto simile al fantasma della memoria di Lenore, che lo visiterà presto.


Una metafora estesa è più complessa di una semplice metafora, in quanto è tipicamente espressa per l'intera interezza di un'opera. Emily Dickinson è famosa per aver usato metafore estese, come nel suo poema " Perché non potrei fermarmi per la morte ", che usa un viaggio con la Morte personificata per rispecchiare il tipico viaggio della vita dall'infanzia all'inevitabile morte. Le metafore estese sono talvolta chiamate anche allegorie , sebbene le allegorie tendono ad essere usate con opere più grandi e novelle, come Animal Farm di George Orwell.


Personificazione

La personificazione è l'assegnazione di qualità umane a un oggetto inanimato, a una persona, a un animale o un'idea astratta. La personificazione viene utilizzata per semplificare un concetto più complesso, per fornire umorismo o per dare un'idea più chiara di un'idea o di una situazione complicata. La personificazione è spesso usata in poesia per creare un'immagine o per aiutare a stabilire l'umore. Robert Frost usa la personificazione nel suo poema " Fermarsi di bosco in una sera di neve " quando conferisce al cavallo qualità umane: "Dà una scossa alle sue cinture di imbracatura / Per chiedere se c'è qualche errore." I cavalli non fanno domande, ma il La confusione del cavallo sembra rispecchiare la confusione e la riluttanza del narratore a continuare a muoversi.


Simbolismo

Il simbolismo usa oggetti, personaggi e motivi per creare uno schema di significato più profondo che si distingue nella mente del lettore. In genere utilizza qualcosa di fisico per rappresentare un'idea più ampia e più astratta. I simboli in genere illuminano il messaggio o il tema più profondo in un'opera e, a volte, accedono a archetipi comuni per creare una comprensione universale del loro significato. In " The Scarlet Ibis " di James Hurst, l'ibis stesso rappresenta il piccolo fratello Doodle: ha percorso una lunga strada fino a un luogo a cui non appartiene, collo allungato, gambe storte e una sfumatura rossa che suggerisce una debolezza che non può essere superare.


Iperbole

Un'iperbole è un'evidente esagerazione o esagerazione per esprimere un punto. Non è pensato per essere preso sul serio, e di solito quando viene esplorato, rivela un significato più profondo. Iperboli si verificano più spesso in poesia, ma spesso appaiono anche nei cliché o nei detti comuni. Ad esempio, "Il colpo sentito in tutto il mondo" è una frase usata spesso per descrivere il primo sparo sparato dai soldati britannici su cittadini coloniali disarmati che hanno dato il via alla guerra rivoluzionaria. Mentre il vero sparo non è stato ascoltato in tutto il mondo, le implicazioni di quel colpo di pistola hanno cambiato la storia del mondo. Macbeth sente anche che non sarà mai purificato dalla sua azione omicida di uccidere il re Duncan in The Tragedy of Macbeth di William Shakespeare. Macbeth si lamenta: "L'oceano di Nettuno lava questo sangue / Pulisci dalla mia mano? No. Questa mia mano preferirà / I moltitudini mari incarnadine, segnando il rosso verde. "In questa scena, nemmeno gli oceani possono lavare le mani di Macbeth del sangue del re Duncan.


Immagini

Le immagini accedono a tutti i sensi del lettore al fine di creare potenti esperienze mentali di personaggi ed eventi, oltre a risposte emotive a quegli eventi. Le immagini usano vista, suono, gusto, tatto e annusano le descrizioni per attirare l'attenzione su umore, tono e tema. Le immagini sono spesso create da altri tipi di linguaggio figurativo, tra cui metafore, similitudini, onomatopee, simbolismo e personificazione. Nel romanzo Great Expectations di Charles Dickens, Dickens dipinge un quadro fosco della fatidica mattinata in cui Pip si propone di consegnare il cibo e il dossier al detenuto, impostando il cupo umore del lettore per mettere in risalto la paura e l'isolamento di Pip in questo calvario. Pip ricorda: "Era una mattinata orribile, e molto umida. Avevo visto l'umidità distesa all'esterno della mia piccola finestra, come se qualche goblin avesse pianto lì tutta la notte, e usando la finestra per un fazzoletto da tasca. Ora vedevo l'umidità stesa sulle siepi nude e sull'erba di ricambio, come una specie più grossolana di ragnatele: si appende da un ramoscello all'altro e da una lama all'altra. "Dickens fa uso di similitudini per creare le vivide immagini visive degli umidi e rimonta la mattina sulla palude.


Ossimoro

Un ossimoro combina due parole o idee contraddittorie in una frase per evidenziare un'idea o una connessione problematica per il lettore. Nella poesia, gli ossimori sono usati per più di un effetto artistico, per creare potenti immagini contraddittorie nella mente del lettore. Shakespeare era noto per tali contraddizioni, specialmente nel suo dramma The Tragedy of Romeo and Juliet. Alcuni dei suoi ossimori più famosi del dramma si verificano quando Juliet inizialmente crede che Romeo sia un assassino a sangue freddo, ma non può nemmeno credere che qualcuno così bello possa commettere un'azione così brutta. Lei piange: "Bello tiranno! Fiend angelical! / Il corvo piumoso, l'agnello dal sapore famelico! / La sostanza disprezzata dello spettacolo di divinità / Al contrario di ciò che tu appari giustamente. "


Gli ossimori sono versioni più semplici dei paradossi.


Paradosso

Un paradosso è un'affermazione che contiene due idee apparentemente contraddittorie, ma è comunque vera. È una versione più forte di un ossimoro in quanto induce il lettore a vedere entrambi i lati di una verità allo stesso tempo. George Orwell usa paradossi nel suo romanzo 1984 , con i mantra del Grande Fratello: "War is Peace"; "La libertà è schiavitù"; "L'ignoranza è forza." Mentre questi potrebbero non avere senso nel mondo attuale, in Oceania, la guerra mantiene lo status quo; quelli che seguono la linea del Partito sono lasciati soli, e quelli che non sanno troppo non soffrono di vedere tutte le contraddizioni che li circondano.


onomatopeia

Le onomatopee sono parole che imitano i suoni. Le onomatopee sono usate principalmente in poesia e sono spesso usate per creare immagini, simbolismi o ripetizioni, che spesso indicano il tema o il messaggio del poema. Edgar Allan Poe usa l'onomatopea per stabilire uno stato d'animo di contenuto e quindi di terrore nel suo poema " Le campane ", che diventano sempre più minacciosi mentre la morte si avvicina:


"Ascolta le forti campane degli alarum,
Campane di bronzo!
Che racconto di terrore, ora dice la loro turbolenza!
Nell'orecchio spaventato della notte
Come urlano la loro paura!
Troppo inorridito per parlare,
Possono solo strillare, strillare,
Stonato…
Come suonano, si scontrano e ruggiscono! "


Apostrofo

Un apostrofo, in linguaggio figurato, è l'indirizzo diretto di una persona assente, oggetto o idea astratta. Un apostrofo è spesso usato per iniziare un poema per stabilire il soggetto o l'umore primario. È anche un modo per l'autore di usare la personificazione per chiarire un'idea complessa, o per portare qualsiasi personaggio nel lavoro. Uno degli esempi più noti di apostrofo è in The Tragedy of Macbeth di Shakespeare in cui il pugnale di Macbeth prende vita, personificando la propria coscienza mentre si prepara a uccidere King Duncan. Macbeth, sia terrorizzato che ipnotizzato, dice: "È un pugnale che vedo davanti a me / Il pugnale verso la mia mano? Vieni, lascia che ti afferri! / Non ho te, eppure ti vedo ancora.



Creare uno Storyboard 

(Avvia una prova gratuita di 2 settimane senza bisogno di carta di credito)



Attività di linguaggio figurativo

L'identificazione del linguaggio figurativo è un'importante abilità che gli studenti devono acquisire e utilizzare per comprendere e apprezzare gli strati di significato che un autore proporrà per un racconto, un romanzo o una poesia. Usando un modello come quelli qui sotto, chiedi agli studenti di individuare quanti più elementi del linguaggio figurativo possibile nel lavoro analizzato, e di creare una rappresentazione visiva di quel linguaggio figurativo usato.


Figurative Language Tracking Template
Figurative Language Tracking Template

Esempio

Personalizza questo Storyboard

(Avvia una prova gratuita di 2 settimane senza bisogno di carta di credito)



Mostra Visivamente il Linguaggio Figurativo  


Literary Element Spider Map Template
Literary Element Spider Map Template

Esempio

Personalizza questo Storyboard

(Avvia una prova gratuita di 2 settimane senza bisogno di carta di credito)



Mostra Visivamente il Linguaggio Figurativo  


Figurative Language Template Multiple Examples
Figurative Language Template Multiple Examples

Esempio

Personalizza questo Storyboard

(Avvia una prova gratuita di 2 settimane senza bisogno di carta di credito)



Mostra Visivamente il Linguaggio Figurativo  

Standard di base comuni


Esempio di rubrica in linguaggio figurativo



Creare uno Storyboard 

(Avvia una prova gratuita di 2 settimane senza bisogno di carta di credito)





Aiuto Storyboard That!

Alla Ricerca di Più?

Controllare il resto dei nostri piani insegnante guida e lezione!


Tutti insegnante guida e piani di lezioneEd Tech BlogScuola elementareScuola Media ELALiceo ELALingua StranieraSpecial Edstoria degli Stati Uniti e studi socialiStoria del Mondo

I Nostri Poster su ZazzleLe Nostre Lezioni Sugli Insegnanti Pagare gli Insegnanti
https://www.storyboardthat.com/it/articles/e/linguaggio-figurativo
© 2018 - Clever Prototypes, LLC - Tutti i diritti riservati.
Start My Prova Gratuita
Esplora Nostri Articoli ed Esempi

Prova gli Altri Nostri Siti Web!

Photos for Class - Cerca scuola-Safe, Creative Commons le foto! (E 'anche Cites per voi!)
Quick Rubric - facilmente creare e condividere grande ricerca Rubriche!
Preferisco una lingua diversa?

•   (English) Figurative Language   •   (Español) Artículo en Blanco   •   (Français) Langage Figuré   •   (Deutsch) Bildliche Sprache   •   (Italiana) Linguaggio Figurativo   •   (Nederlands) Figuratief Taal   •   (Português) Linguagem Figurativa   •   (עברית) מְלִיצָה   •   (العَرَبِيَّة) بلاغة   •   (हिन्दी) अलंकारिक भाषा   •   (ру́сский язы́к) Метафорический Язык   •   (Dansk) Billedsprog   •   (Svenska) Figurativt Språk   •   (Suomi) Kuvailevia   •   (Norsk) Figurativt Språk   •   (Türkçe) Figüratif dil   •   (Polski) Język Graficzny   •   (Româna) Limbaj Figurativ   •   (Ceština) Figurativní řeč   •   (Slovenský) Figuračný Jazyk   •   (Magyar) Képes Beszéd   •   (Hrvatski) Figurativni Jezik   •   (български) Фигуративен Език   •   (Lietuvos) Vaizdinis Kalba   •   (Slovenščina) Figurativni Jezik   •   (Latvijas) Grafiska Valoda   •   (eesti) Kujundlik Keel